ABC

Pubblicato 22 aprile 2014 di patuasia
Categorie: Chiarezza, Mala politica, Politica valdostana

Tags: , ,

Rollandinismo e Restauration

Pubblicato 22 aprile 2014 di robertomancini2013
Categorie: Affari, Controllo, Domande, Favori, Folclore valdostano, Pessima amministrazione, Politica valdostana, Soldi pubblici

Tags: , , , , , , ,

Chiedo aiuto per capire la differenza tra rollandinismo e Renaissance. Andiamo per ordine: siccome possiedo un rudere, nell’anno 2010 mi sono interessato alla legge regionale numero 19 /2001, quella che prevede “ interventi regionali a sostegno delle attività turistico-ricettive e commerciali”. Se ho ben capito le carte, in quell’ anno erano previsti contributi a fondo perduto per 200.000 euro. Purtroppo l’Alzheimer galoppante mi ha impedito di adire al finanziamento nell’anno 2010. Opportunamente curato, mi sono però rifatto l’anno seguente. Meraviglia, giubilo, godimento sfrenato! Esaminando le carte ho constatato che per tutto il 2011 il contributo a fondo perso era decollato verso il cielo e, da principesco, era diventato regale, o se preferite imperiale, augusteo: 500.000 euro a fondo perduto, una vera pacchia!
Purtroppo il ricorrente Alzheimer mi ha bloccato per tutto il 2011, per cui non ho richiesto la manna dal cielo del mezzo milione di euro.
Sono però riemerso dalla demenza nel 2012, ben deciso a valorizzare il mio rudere (quello edilizio, non me stesso…). Così sono andato a rileggermi la legge regionale n°19/2001. Lo credereste? Il contributo di mezzo milione, in vigore in tutto il 2011, era sceso di nuovo: da augusteo, imperiale e regale (500.000 euro) era tornato solo principesco (200.000).

Read the rest of this post »

L’invasione degli ultracorpi!

Pubblicato 21 aprile 2014 di patuasia
Categorie: Anniversari, Autonomia, Cultura morta, Delirio, Mala politica, Memoria storica, Politica valdostana, Storia italiana, Storia valdostana, Uomini politici

Tags: , , , , ,

Se l’intervento dell’assessore alla Cultura, Joel Farcoz, a Les Mots fosse stato un tema, il voto sarebbe stato quattro! Ma come cavolo si può scrivere: «Voglio ricordare il 25 aprile, ma soprattutto il 28 aprile, data di Liberazione della nostra Valle d’Aosta, sempre più attuale anche in questo momento in cui ci sentiamo sempre più oppressi da alcune sovrastrutture che cercano in qualche modo di alienare i nostri pensieri». (la Stampa.it). Oppressi da più strutture che cercano di alienare i nostri pensieri? E che è? L’invasione degli ultracorpi! Oltre la forma anche il contenuto è raccapricciante. La Resistenza va ricordata in quanto anniversario? Semmai è il 25 Aprile un anniversario, quello della Liberazione, dovuta in parte alla Resistenza dei partigiani bianchi e rossi, ma non rossoneri. L’Union valdotaine è nata dopo. E come si fa a paragonare quella Resistenza alla presunta resistenza contro lo Stato omologante e centralizzatore? Che dice Laurent Viérin? Non è anche lui d’accordo nel sostenere questa tesi, magari con un italiano migliore, anzi in francese? E gli alleati piddini, si smarcano da queste affermazioni perché hanno paura di ledere la perfetta armonia della Santa Alleanza?

 

Come ragazzini delle medie

Pubblicato 20 aprile 2014 di patuasia
Categorie: Analisi spicciola, Casta, Cultura morta, Dubbi, Guerra fra clan, Infantilismo, Mala politica, Politica valdostana, Villaggio tribale

Tags: , , ,

Mi dicono che sono diventata rollandiniana. Mi dicono che le mie critiche aiutano il sistema. Mi dicono che le mie parole sono quelle di una traditrice. Allora bisogna stare zitti? Esattamente come vuole il sistema! Ognuno deve accettare ciò che gli offre la sua parte politica con passività, senza pronunciare parole che non siano in linea. Ma allora ho ragione io a sospettare che in atto ci sia solo una sostituzione di nomi, ma una conservazione dello stile. Al contrario le critiche sarebbero ben accette. Sarebbero una fonte di riflessione. Darebbero vita a un dibattito vivace dal quale potrebbero germogliare le idee. L’appiattimento culturale passa anche da qui. Dal silenzio. Dal conformismo e dall’esclusione di chi conforme non è. Mi si accusa perché non sono catalogabile. Niente di più infantile.

Auguri

Pubblicato 20 aprile 2014 di patuasia
Categorie: Auguri, Delirio, Disgusto, Folclore valdostano, Mala politica, Politica valdostana, Uomini politici

Tags: , , , ,
La sorpresa?

La sorpresa?

Armi spuntate

Pubblicato 19 aprile 2014 di patuasia
Categorie: Brutto esempio, Critica, Delirio, Folclore valdostano, Mala politica, Politica valdostana, Uomini politici

Tags: , , ,

Quello che io critico di questa minoranza non sono i contenuti che condivido da sempre, ma le tattiche che sommano errori su errori. Ultimo errore: la firma sul documento di La Torre che sicuramente non risulterà giuridicamente valido per il fatto che la mozione di sfiducia deve essere motivata. Non bastano, infatti, le considerazioni politiche generiche e uguali per tutti gli assessori, ma necessitano giudizi negativi personalizzati. Inoltre “la Giunta regionale, in base alla legge regionale 66 del 1979, può infatti esercitare le sue funzioni solo in presenza di “almeno la metà dei componenti in carica”, quindi di 4 assessori e il Presidente. Secondo le prime analisi giuridiche, ancora in fase di approfondimento, la cessazione dalla carica di tutti gli assessori contrasterebbe con tale previsione e quindi renderebbe illegittima e anticostituzionale la votazione del Consiglio di tutte le otto mozioni di sfiducia.” (ANSA). Andare in guerra senza i proiettili dentro ai fucili non porta alla vittoria di certo. Si rischia il ridicolo, la non credibilità, il dilettantismo. Invece di fermarsi un attimo a ragionare i nostri Don Chisciotte se la prendono con chi critica la loro eccessiva intempestività. La retorica. La demagogia nei contenuti. Tutte lance spuntate che non possono creare fiducia per un’alternativa. Meno chiacchiere su fb e una maggiore riflessione sulla strategia politica nel suo complesso sarebbero salutari.

Alchimie, alchitue, alchinostre

Pubblicato 18 aprile 2014 di patuasia
Categorie: Affari, Brutto esempio, Cultura morta, Degrado morale, Delirio, Favori, Folclore valdostano, Guerra fra clan, Mala politica, Politica valdostana, Uomini politici

Tags: , , ,

Tutto questo puttanaio politico (concedetemi il termine) nasce unicamente per il bene della Valle d’Aosta. Solo per gli interessi dei valdostani. Un po’ come da piccoli si giustificavano le botte: mamma e papà ti picchiano per il tuo bene. Ci trattano come se fossimo bambini. Ci raccontano le favole. Usano senza timore di abuso, il termine cambiamento. La fine di un sistema affidata nelle mani del duo Leonardo La Torre-Milanesio che rivoluzione potrà mai portare? L’unico vero cambiamento sia in meglio sia in peggio, solo gli elettori saranno in grado di deciderlo. Se la richiesta di dimissioni non ha funzionato ora Camaleon-ardo presenta una nuova soluzione alchemica: le mozioni di sfiducia agli assessori. Dice per superare l’impasse e garantire governabilità. Apre le braccia a tutti. Signore e signori l’asta è aperta al migliore offerente.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.490 follower